La XX Edizione di Tramedautore parte alla grande al Piccolo Teatro Grassi con l’onirico “Stranieri” diretto da Gianluca Merolli, omaggio all’autore Antonio Tarantino recentemente scomparso

Al via la XX Edizione del Festival Tramedautore realizzato da Outis – Centro Nazionale di Drammaturgia Contemporanea, in collaborazione con il Piccolo Teatro di Milano e con mare culturale urbano. Si parte con l’onirico e a tratti pacatamente mefistofelico Stranieri diretto da Gianluca Merolli sul testo di Antonio Tarantino, drammaturgo molto apprezzato, scomparso durante il lockdown, premio UBU nel 2000. Gli interpreti in scena al Piccolo Teatro Grassi di Milano sono i meravigliosi Francesco Biscione, Paola Sambo e Gianluca Merolli.

Lo spettacolo, in prima regionale, si propone al pubblico come un testo potente e al contempo misterioso, che lascia allo spettatore qualche dubbio.  A metà tra sogno e realtà, i protagonisti si muovono su dimensioni parallele dove reale e surreale si confondono, dove il confine tra dentro e il fuori viene cancellato. Lo spettacolo affronta il tema della paura del diverso in modo alienante, partendo dal lamento sostenuto di un uomo, ormai arrivato al capolinea della sua esistenza. L’uomo trascorre in solitudine quel che resta della sua vita, barricato in casa, una scatola cubica claustrofobica dove le sue paure, i suoi pregiudizi lo consumano lentamente. Fuori bussano insistentemente alla porta: sono la moglie e il figlio, due stranieri che vengono da un altro mondo, quello dei morti, tornati per accompagnarlo nel suo ultimo giro di valzer. L’uomo reagisce con insulti e minacce e i due ospiti continuano imperterriti a bussare, con la consapevolezza che, se anche la porta non verrà aperta, saranno le pareti a disfarsi inevitabilmente, eliminando ogni distanza da quelle che sono barriere strutturali ma soprattutto mentali, tra chi si rifugia nella propria casa e chi è considerato straniero.

 Merolli che riveste il duplice ruolo di regista e attore, ritaglia per sé il ruolo del figlio, vittima forse di una madre asfissiante. La madre, interpretata dalla Sambo, dà voce al coro di donne che si sentono umiliate, trascurate, poco amate, quelle a cui apparentemente non manca nulla, ma che elemosinano amore, l’unico capace di muovere il sentimento. Senza amore si è stranieri, nel senso di strani l’uno all’altro.

Bravo e brillante Biscione, nel ruolo del padre, che vive una sorta di terremoto dell’anima che irrompe nello scorrere lento del tempo, dove le cose non hanno un senso nascosto ma un significato palese. Nella profonda emarginazione del protagonista, la solitudine è una minaccia, e quando la fine è vicina, ci si rende conto che le cose, anche le più belle, è bene finiscano. Sono attimi in cui ci si interroga sulle proprie azioni, sugli stati d’animo, dove ci si rende conto che ci si può sentire vittime di un rimorso per una colpa che uno non ha. Il protagonista è come se si fosse lasciato divorare dalla vita, un uomo incapace di amare, solo scienza e tecnica. Ma bisogna pur credere in qualcosa. A cosa? A chi? Forse proprio a quelli che ci hanno amato, alle persone più care, quelle che ci vengono a prendere per l’ultimo trasporto, l’ultimo ballo, quello onirico e magico, tra moglie e marito sulle note di una struggente Strangers in the night, che ha il sapore di una romantica danza della morte, l’ultimo saluto alla vita, in una notte senza luna in una città addormentata. Come in una bolla cristallizzata, con le luci che si attenuano fino al buio completo, la coppia si dilegua per un ultimo viaggio insieme dove i due forse non si sentiranno più stranieri.

(Adele Labbate)

Festival Tramedautore XX Edizione

Venerdì 11 settembre

Piccolo Teatro Grassi

STRANIERI

di Antonio Tarantino

regia Gianluca Merolli

con Francesco Biscione, Paola Sambo, Gianluca Merolli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...